Questione di Fili: Viaggio al centro del bottone

questione di fili

Una delle manie che mi ha trasmesso mia nonna Antonietta, oltre che collezionare tazzine, lampade e ciabatte, è quella dei bottoni.
Ok, sono anche utili ma quando non hai il coraggio di buttare via quelli ereditati e continui a raccogliere numerose scatole di latta piene di bottoni trovati e sei nel delirio più totale.

Ultimamente poi mi sono appassionata di bottoni in materiali naturali: legno, corno, ceramica raku chi più ne ha più ne metta. Sono adatti per essere impiegati come chiusura delle borse, di una collana di lana o cotone, su di un cardigan fatto a mano da lavare comunque delicatamente, oppure semplicemente come spille (attaccando un fermaglio nella parte posteriore).

Grandi vasi di vetro pieni di bottoni mi mettono allegria e anche le scatole di latta delle bustine di tè sono adatte per riporli divisi per colore.
Un fantastico posto che ho visitato è il Museo del bottone a Santarcangelo di Romagna.
Paese, a pochi kilometri da Rimini, incantevole borgo pieno di vita, commercio artigianale e manifestazioni musicali ed artistiche,un vero gioiellino.

bottoni01  bottoni02
 bottoni03  bottoni04

La signora Marinella, una persona molto disponibile e piena di passione,mi ha accolto all'ingresso del museo e mi ha raccontato la storia attraverso i bottoni, mostrandomi bottoni storici, che raffigurano l'atterraggio sulla luna, un bottone del Papa e innumerevoli altri creati in occasione di eventi unici. 

Mi ha mostrato i materiali naturali e sintetici utilizzati dall'inizio della storia del bottone ad ora. Siamo passate attraverso i secoli, le mode, le guerre, sulle vesti più antiche e preziose fino ad arrivare ai jeans ed agli stilisti moderni.

Oltre ai bottoni di sughero, corno, madreperla, cuoio, avorio, tartaruga altri materiali naturali, ci sono quelli in galalite (un materiale ricavato dal latte), bachelite, poliammide, papier machè, bottoni ricavati da monete, statuette giapponesi, confezionati con filo ed ago, ricoperti della stessa stoffa dei vestiti cui erano destinati, solo per citarne alcuni. C'erano anche deliziosi quadretti fatti diversi bottoni in tonalità e mi è venuta voglia di copiare subito l’idea! Inoltre, se può interessare, esistono due pubblicazioni sulla storia del bottone che potete richiedere, contattando la pagina Facebook del museo del bottone di Santarcangelo.

bottoni05

Ho fatto alcune foto che potete guardare nella Gallery qui sotto; spero che questo viaggio attorno al bottone vi abbia affascinato e vi do appuntamento prossimamente con i vari utilizzi molto differenti e divertenti di questo oggetto.

“Ogni bottone aperto è un segreto svelato, un grado di intimità raggiunta, ogni bottone chiuso è una dura barriera, un ostacolo insormontabile” (Alessandro Mendini)

“Il bottone è ‘il confine immaginario e fisico tra il mondo esteriore e quello interiore” (Gianni Veneziani)

“…è un piccolo oggetto che apre e chiude anche i ricordi…” (Dora Grieco e Roberto Politi)

Foto gallery

Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna Museo del Bottone Santarcangelo di Romagna

Magliuomini - sede legale: Via Giulio Braga, 15 - 59021 - Vaiano - Prato - cod.fisc. : 92099420488